Nella bianca tana del bianco bianconiglio

Tane pronte 0 (ma in dirittura d’arrivo), unghie spezzate 6, pensieri positivi 2, volte che ho pensato che devo chiamare il pronto intervento gas perché nel cortile del palazzo di fronte si sente puzza di gas: ho perso il conto, volte che ho effettivamente chiamato il pronto intervento gas 0 (potremmo fare di meglio).

Evviva! Evviva! Grazie al provvidenziale intervento del nuovo fantastico capomastro che ho assunto qualche settimana fa grazie al suggerimento dell’OP, e che ha un nome ma che, sempre per i soliti, noiosi motivi di privacy chiameremo d’ora in poi Deus Ex Machina, i lavori nella tana stanno finalmente procedendo! Vedo quasi la fine! Anche le mie unghie non ne possono più, perché un giorno ho detto: «Eeeeeh! Sarebbe bello prendere quel vecchio mobile che c’è in garage, nel quale mio padre tiene gli attrezzi, e restaurarlo io di pirsona pirsonalmente!» e così ora ho tutte le unghie spezzate, quando mi soffio il naso esce polvere nera, e ho pure costretto mia mamma (perché mi vuole bene, povera lei!) a darmi una mano a pulire, perché su quel mobile (nel quale, lo ricordiamo, andrebbero in futuro i miei vestiti, compresi pigiami e mutande) si è ormai depositato un taccone di polvere il cui primo strato risale all’era pleistocenica. Read more

3